Esami falsi, condannati quattro docenti universitari di Teramo

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/universitari.jpg'

universitariTERAMO - Nell'inchiesta sulle firme false all'università di Teramo, il giudice ha condannato quattro docenti, dichiarando falsi i verbali d'esame. Si tratta di Francesca Rosati, 42 anni, docente associato (1 anno e 4 mesi, pena sospesa), Piero Giorgi, 47, Giovanni Agresti, 38 e Maria D'Angelo, 36, (docenti a contratto e collaboratori dell'associato) ad un anno. Il giudice ha assolto per non aver commesso il fatto Francesca Vaccarelli, 47 anni. A rischio decine di esami sostenuti dagli studenti che potrebbero essere invalidati. I fatti contestati si riferiscono al 2008. Ad emettere il giudizio di primo grado è il giudice monocratico, Roberto Veneziano che ha giudicato i cinque cattedratici accusati di falso ideologico in concorso. Per il pubblico ministero Davide Rosati, i cinque docenti avrebbero firmato verbali d'esame agli studenti pur non essendo materialmente presenti agli esami. Sulla sentenza di condanna, in primo grado, dei quattro docenti della Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Teramo, il preside di Facoltà Enrico Del Colle e il rettore Luciano D'Amico dichiarano: "Nel pieno rispetto del lavoro della magistratura e della sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Teramo, ci auguriamo che i docenti interessati possano, nei successivi gradi di giudizio, risultare estranei ai fatti contestati. Nel frattempo, nell'interesse primario dei trentasei studenti che hanno sostenuto la prova di esame nelle sessioni coinvolte nel procedimento giudiziario, l'Ateneo metterà in atto tutte le azioni necessarie alla loro massima tutela".

FacebookTwitterGoogleFeed

seguilciclismo

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image http://www.ilmeteo.it/cartine3/0.ABR.png
Meteo Abruzzo

La ricetta della settimana

Dolce vita

Seguilanotizia utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.