Il Giardino degli scrittori presenta: "Vent'anni" di Lucio Vitullo

foto Lucio VitulloCHIETI - “Vent’anni” è la raccolta di poesie di Lucio Vitullo, scrittore pescarese, che presenterà la sua opera di esordio in collaborazione con l’associazione culturale il Giardino degli scrittori. L’incontro si terrà sabato 15 giugno alle ore 18.00 alla caffetteria Chocolat di Chieti scalo e sarà moderato da Pierluigi Miraglia. Il dibattito con l’autore sarà accompagnato anche dalla lettura di alcuni suoi componimenti da parte della scrittrice Anna Di Donato. Lucio Vitulio è nato a Pescara ed è alla sua prima esperienza come autore di poesie che ha raccolto sin dal 1990 anche grazie a Raffaella, una sua compagna di scuola che lo ha incoraggiato a scrivere e alla quale ha dedicato il suo libro. Dopo aver ottenuto dei riconoscimenti partecipando a concorsi letterari, nel 2011 pubblica "Vent'anni", la sua prima raccolta contenente 46 poesie e 20 pensieri liberi. Poesie d’amore a volte struggenti sono quelle che compongono l’opera. “L’autore , commenta lo scrittore Tito Cauchi, ha sublimato la sua visione, alla quale, tuttavia, non si abbandona del tutto; è guardingo e vigile e ha pensieri elevati. La sua è continua dichiarazione d’amore che gli procura lo spleen di un amore che non c’è. Forse è l’amore idealizzato, che non si raggiunge, che vive nel monologo interiore di un diario che va dal 1990, all’alba della stampa del libro. È una storia sentimentale vissuta dentro; una incessante manifestazione d’amore”. Nella prefazione del libro Ubaldo Giacomucci afferma che“l'autore ci suggestiona con un linguaggio intensamente vitale e un simbolismo ricco di sfumature espressive e di palpitante vivacità. Attraverso un ritmo serrato e una sorta di monologo interiore espresso in forma poetica, l’autore ci offre versi nitidi, che compongono una trama di metafore e di allegorie che sorprende per la sua forza espressiva". Nel 2012 Vitullo ha vinto il Premio "Luce dell'arte" di Roma classificandosi primo con "Grazie mille", una poesia dedicata a Yara Gambirasio e Sara Scazzi, due giovani divenute simbolo, loro malgrado, della violenza contro le donne.

Annalisa Marcucci

FacebookTwitterGoogleFeed

seguilciclismo

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image http://www.ilmeteo.it/cartine3/0.ABR.png
Meteo Abruzzo

La ricetta della settimana

Dolce vita

Seguilanotizia utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.