La Regione resuscita l'Isa, approvati i contributi alla cultura

orchestra sinfonica abruzzeseL'AQUILA - Un contributo di 400mila euro per l’anno in corso e un altro di uguale importo per il 2016, così da garantire la prosecuzione dell’attività dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese e risolvere le criticità che l’Isa si era trovata ad affrontare negli ultimi mesi. La misura è inserita nella legge – primo firmatario il Consigliere del PD Pierpaolo Pietrucci – approvata la scorsa notte dal Consiglio regionale, al termine di un lungo dibattito in Commissione, iniziato lunedì. A fronte della concessione del finanziamento, l’Isa si impegna a garantire alla Regione una serie di spettacoli gratuiti (che saranno ospitati in località individuate attraverso un apposito bando) e fino a 500 ore di educazione musicale da tenersi in enti e istituzioni. Il testo, però, contiene contributi anche per altre realtà abruzzesi: Liceo musicale Braga Teramo (150mila euro), Teatri dei Marsi (80mila), Fondazione Michetti (50mila), Premio Flaiano (50mila), Teatro Marrucino Chieti (150mila). Teatro Fenaroli Lanciano (35mila), Fondazione Brigata Maiella (30mila), Ente Manifestazioni Pescaresi (80mila), Rievocazioni storiche (150mila complessivi per Perdonanza L’Aquila, Giostra Cavalleresca Sulmona, Mastrogiurato Lanciano). La copertura finanziaria dell’intervento (pari a 930mila euro) è assicurata per 550mila euro dal fondo per gli oneri legati a nuovi provvedimenti legislativi, e per il resto da economie nel bilancio regionale nei capitoli delle spese di funzionamento dell’Osservatorio dei contratti pubblici, delle Autorità di Bacino, rimborsi alle Asl per prestazioni ispettive, e investimenti sul sistema informativo regionale. In Commissione erano stati presentati 747 emendamenti e 454 subemendamenti, tutti ritirati dai proponenti, dopo l’approvazione di un emendamento sostitutivo dell’intero testo originario, sottoscritto da Pietrucci, Maurizio Di Nicola (CD), Mario Olivieri (AC), Luciano Monticelli (PD) e Mauro Febbo (FI).

M5S: NOI I VERI VINCITORI. Fuori i partiti dentro chi merita, è questo lo slogan della campagna sui fondi culturali che il M5S Abruzzo ha portato avanti per mesi all’interno delle commissioni regionali sulla cultura. Ed alla fine ce l’ha fatta. “Dopo una lunga battaglia in commissione” Spiega Gianluca Ranieri capogruppo M5S “siamo finalmente riusciti a far passare il principio che per aiutare davvero la cultura in Abruzzo, occorre mettere tutti gli operatori del settore in una condizione di iniziale di parità, per quanto riguarda l'accesso ai fondi regionali. Non crediamo che ci siano realtà da tutelare a prescindere ed altre da abbandonare a se stesse. Per questo” continua “abbiamo chiesto ed ottenuto l'impegno della Regione Abruzzo a dare finalmente attuazione alla norma europea, la cosiddetta legge 46, approvata lo scorso anno, e ad incrementare il fondo unico regionale per la cultura sia nel 2015 (a 1,5 milioni) che nel 2016 (a 2 milioni). Abbiamo inoltre ottenuto che si riconosca finalmente una dignità propria anche alle realtà minori ma non per questo meno pregevoli del panorama culturale Abruzzese” continua il capogruppo 5 stelle “ pertanto abbiamo inserito nella stessa norma la destinazione del 20% del fondo a questi soggetti”. “Il Movimento 5 Stelle rifiuta la logica dei clientelismi e dello scambio politico e continuerà la sua battaglia in Abruzzo per un'amministrazione trasparente che sia vicina ai bisogni dei cittadini, non a quelli dei centri di potere e di consenso” conclude.

PD: BENE SALVATAGGIO ISA. "Sono convinto che ieri notte con il salvataggio dell'Istituzione sinfonica abruzzese, per la qual avevo presentato un progetto di legge, il Consiglio regionale abbia svolto il proprio dovere. Si è deciso di dare linfa e risorse a un'istituzione che dà lustro all'Abruzzo al di fuori del nostro territorio e, come messo bene in luce da un intervento di qualche giorno fa del suo direttore artistico, svolge attività in collaborazione con i maggiori enti regionali, in tutto il territorio abruzzese". Il commento è del consigliere regionale del Pd Pierpalo Pietrucci. "Si è salvato, in sintesi - spiega l'esponente politico di maggioranza - un pezzo importante dell'identità abruzzese, e non posso che dirmi orgoglioso di avervi contribuito così da vicino. Quello che mi preme sottolineare è che questo risultato è stato raggiunto grazie a un paziente lavoro di tessitura e convincimento, condividendo passo dopo passo le finalità e i valori alla base della scelta. Solo così si è potuta evidenziare la catastrofe che sarebbe stata, per tutto l'Abruzzo, il naufragio dell'Isa. Sono felice che se ne siano visti i frutti. Ai colleghi che rivendicano e dicono che l'Abruzzo è fatto anche di altre istituzioni e realtà culturali e che queste meritano sostegno, dico che hanno ragione. Dico anche però che la politica deve, facendo delle scelte, tenere conto delle priorità, e in questo momento la priorità era il salvataggio dell'Isa. Ora - aggiunge Pietrucci - tutti assieme dovremo discutere di come dare alla nostra Regione i criteri e le linee guida per il sostegno del sistema culturale regionale. La cultura è una risorsa per il territorio, ed è finito il tempo dei contributi a pioggia: dobbiamo imparare a capire dove stia valore che produca valore, e non parlo solo della dimensione economica, che pure è fondamentale. Avanti, quindi, con le nostre idee, non sprechiamo questa grande occasione", commenta, infine, il consigliere regionale del Pd.

 LA POLEMICA. “Non ci saremmo mai sognati di rivendicare il frutto del nostro lavoro per il finanziamento di 150.000 euro per il "Braga" di Teramo, perché abbiamo lo stile di chi lavora e produce in silenzio e con coscienza, ma dopo aver letto il comunicato degli esponenti del Pd teramano, non possiamo esimerci dal ricostruire lo svolgimento dei fatti”. Lo affermano il Vice Presidente del Consiglio regionale, Paolo Gatti, e i Consiglieri regionali Gianni Chiodi, Mauro Di D’Almazio e Giorgio D’Ignazio. “Nel mese di agosto – scrivono in una nota – la maggioranza di centrosinistra ha presentato un progetto di legge teso, esclusivamente, a finanziare l'orchestra sinfonica abruzzese. Grazie alla nostra ferma contrarierieta' a lasciar fuori da questa opportunità tanti enti culturali, siamo arrivati ad ottenere che fossero finanziate anche altre Istituzioni, tra cui il "Braga", e nel testo predisposto dalla maggioranza e' comparsa dapprima la cifra di 90.000 euro e poi quella di 100.000. Abbiamo dunque presentato un subemendamento per finanziare l'importante Istituto per 200.000 euro, ma la proposta è stata respinta in Commissione dal centrosinistra (non da Dino Pepe, che alle Commissioni tenute da agosto ad oggi non ha mai partecipato). A quel punto, abbiamo comunicato al Consigliere Pietrucci, proponente del progetto di legge, che solo con la previsione di almeno 150.000 euro per il Liceo Braga, avremmo consentito l'approvazione della legge. È così e' stato. Rimaniamo sconcertati di fronte ad un comunicato espressione del più squallido accattonaggio elettorale e che rappresenta una scorrettezza tanto puerile quanto offensiva del lavoro svolto da noi in questi due mesi. Restano i dati di fatto, incontrovertibili: nella proposta iniziale del centrosinistra zero euro per il Braga; dopo le nostre proteste 100.000; bocciata la nostra proposta per 200.000; maggioranza costretta alla fine a cedere a 150.000 euro visto e considerato che, come al solito, hanno avuto bisogno delle minoranze per poter avere il numero legale. Consigliamo ai Consiglieri teramani del Pd, per il futuro, di rendersi protagonisti di qualche reale e fattiva attività per poi comunicarla e farla oggetto di propaganda, invece di appropriarsi, volgarmente, del lavoro altrui”.

FacebookTwitterGoogleFeed

seguilciclismo

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image http://www.ilmeteo.it/cartine3/0.ABR.png
Meteo Abruzzo

La ricetta della settimana

Dolce vita

Seguilanotizia utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.