Inchiesta Ato, Cordoma prosciolto: "La storia della città oggi sarebbe stata diversa"

cordoma2MONTESILVANO - L’ex sindaco di Montesilvano Pasquale Cordoma è stato assolto nell’inchiesta Ato. Si conclude per lui l’ultimo procedimento a suo carico, si ricorda che nelle varie inchieste Cordoma fu assolto e in altre i reati andarono in prescrizione. Cadono così tutte le accuse che lo videro protagonista insieme ad altri politici abruzzesi durante e dopo il suo mandato (2007-2012). L’inchiesta Ato si riferisce al periodo tra il 2003 e il mese di dicembre 2007. Nel mirino del pm un utilizzo improprio delle risorse economiche e strutturali dell'Ato per fini propri. Il presidente D'Ambrosio, condannato a due anni e otto mesi, era stato accusato di aver usato l'auto dell'ente per assolvere ai propri impegni politici a Roma, dove si recava in qualità di parlamentare, con spese a totale carico dell'Ato per ciò che riguarda benzina-telepass e diverse multe al Codice della Strada. D'Ambrosio, era anche accusato di aver comprato la laurea in Economia e Management con la complicità del professore Luigi Panzone, accusa caduta. Il pm del Tribunale di Pescara Barbara Del Bono, nel corso della sua requisitoria nell'ambito del processo sul cosiddetto "partito dell'acqua", aveva chiesto un anno e sei mesi per l'ex sindaco di Montesilvano (Pescara) Pasquale Cordoma insieme ad altri undici imputati. “Si è conclusa la mia vicenda giudiziaria – spiega Cordoma - dopo nove anni, sette processi, tante pagine di giornali, tanta sofferenza per me e per la mia famiglia, quando la mia persona veniva accostata alla parte più brutta e vergognosa della politica. La fiducia incrollabile nella giustizia e nelle istituzioni e soprattutto la consapevolezza di poter sempre guardare negli occhi chiunque, senza mai dover nascondere nulla e di aver agito sempre per il bene della mia città, con l'amore e il sacrificio che hanno accompagnato la mia azione, mi hanno dato la forza per affrontare anche i momenti più difficili. In alcuni casi non ho rinunciato alla prescrizione non per paura ma perché sono una persona che non lancia le sfide, casomai le accetta per vincerle. Una cosa è certa – conclude l’ex sindaco di Montesilvano - : senza questi nove anni la pagina di storia di Montesilvano forse sarebbe stata scritta in maniera diversa”.

FacebookTwitterGoogleFeed

seguilciclismo

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image http://www.ilmeteo.it/cartine3/0.ABR.png
Meteo Abruzzo

La ricetta della settimana

Dolce vita

Seguilanotizia utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.