Tenuta Querce Grosse, a Pasqua un menu che esalta la tradizione abruzzese e volo di aquiloni

tenuta querce esternoFRANCAVILLA AL MARE - In un contesto paesaggistico di straordinaria bellezza e con ambienti eleganti e raffinati la Tenuta Querce Grosse si presenta con le radici di sempre ma con una veste tutta nuova. La struttura situata sulle colline di Francavilla al Mare cambia gestione con l’obiettivo di diventare una delle location più suggestive del territorio. L’accoglienza del personale altamente qualificato avrà il compito di regalare nuove emozioni in ambienti intimi, ricercati, storici ed imponenti. Tenuta Querce Grosse debutterà con una nuova veste domenica 5 aprile in occasione del pranzo di Pasqua con un menu tipico della tradizione abruzzese. L'ospitalità è riservata nella Piazzetta del Borgo, dove il tempo sembra aver fermato la sua corsa per celebrare la bellezza di una natura incontaminata. Oltre al panorama mozzafiato e ai giardini ben curati c'è la possibilità di fermarsi in una delle 10 camere in stile country presenti nella tenuta. La nuova sfida di Annamaria Melis, titolare della società Kalakula, che si occupa anche della gestione di altre strutture ricettive di successo è quella di trasformare Tenuta Querce Grosse in un luogo ideale, non solo per banchetti e cerimonie, ma per promuovere attività culturali e artistiche, mescolando tradizione e innovazione.

cerimonie 1di carlo chef“Abbiamo rilevato Tenuta Querce Grosse perché riteniamo che abbia delle potenzialità enormi – spiega Annamaria Melis, determinata a far rinascere questa località - . E’ situata in uno dei piu bei posti d’Abruzzo, in collina e ad un passo dal mare, con un parco di due ettari e una vegetazione ricca e variegata. Siamo certi che la nostra esperienza nel mercato turistico e nella ristorazione, unite alla nostra professionalità, possano ridare linfa a questo splendido spazio. L’obiettivo è quello di far diventare la tenuta tra le principali della regione per la ristorazione e l’organizzazione di eventi con personale qualificato e con un giovane chef che ha voglia di vincere insieme a noi questa scommessa. Noi ci mettiamo la passione, perché è una struttura che va gestita con amore e dedizione e non con l’obiettivo di fare solamente business, i nostri ospiti dovranno sentirsi perfettamente a loro agio sicuri che noi vogliamo far vivere loro una giornata indimenticabile. La preparazione di un matrimonio richiede tempo, passione e capacità organizzativa. ll matrimonio richiede una vera e propria regia perché nel fatidico giorno tutto avvenga nei tempi giusti e il sogno si realizzi. Siamo sicuramente avvantaggiati dalla bellezza naturale del posto ma quello che non dimentico mai e che mi spinge a fare questo lavoro – continua Melis - è il desiderio di felicità di chi mi sta di fronte, riuscire ad interpretare i loro desideri e provare a realizzarli, percepire la loro fiducia in me, sentire il legame che ci unisce come esseri umani. La mia filosofia è lavorare per gli altri e lasciare nelle loro vite dei ricordi che rimarranno scolpiti nel loro cuore e nella loro mente. Io parlo tantissimo con gli sposi per capire tutte le loro esigenze e per fare tutto quello che mi è possibile per loro. Per questo mi sono circondata di uno staff di persone di valore a cominciare dallo chef Alberto Di Carlo (nella foto in alto) con tanta esperienza nel settore, disponibile, attento e pronto ad illustrare ogni suo piatto facendo vivere la sensazione che si riceve appena si gusta la pietanza. Abbiamo affidato la sala ad un maître di competenza come Ettore Di Cintio, che lavora nel settore da sempre. Il matrimonio è l’evento istituzionale, ma non è la sola fascia di mercato che ci interessa, pur restando orientati sulle cerimonie siamo disponibili ad organizzare qualsasi serata: dalla cena romantica servita nella Sala dei Messeri, finemente addobbata con arazzi preziosi, antiche maioliche e tovagliati damascati ideale per un serata a lume di candela, ai concerti e spettacoli nel Pathio o in giardino per godere di momenti musicali inebriati dal profumo della lavanda”.

tortino pasquale orizzontale“La cultura sarà dominante – sottolinea la nuova direttrice - con la presenza personaggi di spicco che presenteranno libri e animeranno convegni e tavole rotonde sui temi di interesse sociale. Inoltre abbiamo intenzione di organizzare serate enogastronomiche di livello e altre di beneficenza a sostegno delle associazioni presenti sul territorio. La musica sarà protagonista con concerti jazz, di musica classica e leggera”. Il weekend di Pasqua sarà all’insegna di un menu ricchissimo con piatti unici e raffinati che non stravolgerà la tradizione abruzzese ma ne esalterà le qualità. “Servito nella Sala delle Lance – afferma Annamaria Melis -, dominata dal maestoso camino e ricca di argenti, peltri e fini porcellane, il pranzo pasquale avrà la giusta cornice. Nel menu si inizierà con il Percorso di Transumanza con salumi, galantina, speck, prugne e pecorino per poi passare allo sformatino pasquale
su vellutata di pecorino allo zafferano. Tra i primi piatti timballino di crepes con stracotto di vitello e stracciata di Agnone e risotto con crema di melanzane e pesto di rucola. Il secondo piatto prevede come da tradizione l’Agnello della Maiella, farcito di carciofi e menta e poi un inno alla gioia con la squisita millefoglie con crema chantilly e mango. Il tutto innaffiato con dell’ottimo Montepulciano d’Abruzzo della Cantina Masciarelli. A Pasquetta invece abbiamo previsto la tipica scampagnata sul prato con barbecue e buffet aperto a tutti e per i bambini ci sarà una gara di aquiloni”.

FacebookTwitterGoogleFeed

seguilciclismo

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image http://www.ilmeteo.it/cartine3/0.ABR.png
Meteo Abruzzo

La ricetta della settimana

Dolce vita

Seguilanotizia utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.