Abballe

Abballe: A valle (tipico caso in cui la lettera v diventa b). Da ècche a ‘nn'abballe: Da qui ad andare in giù. L'ha misse coccia cap'a balle: L'ha messo a testa in giù. Me ne vujj’ arejì’ abballe: Voglio tornare giù (inteso come a casa mia) Abball’ abballe m. avv.: Giù giù. Me sènde tutte abball' abballe: Mi sento giù giù, sfinito.

Abbramà

Abbramà’: v. intr. e rifl. Bramare, Aver gran brama di cibo, o di altra necessità. Arrabbiarsi dalla fame. "Le vù fa’ abbrama' ?" Vuoi farlo arrabbiare per la fame? "Sta ‘bbramate de sonne!"  È preso dal sonno. "Lu caccione sempr'abbaje pe la fame mo s'arraje "(dal canto Anonimo Abruzzese Mare Maje, "Lamento di una vedova").

Abbijjelà (2)

Abbijjelà’: v. Spazzare, fig. Strucinare, Sciupare malamente, denaro o sostanze: "Ha ‘bbijjelate tutte", "Ha consumato, fatto un macinìo, di tutti i suoi averi","Ha ‘bbijjelate nu patrimonije, ha sfradutte quelle che teneve".

Abbèngé

Abbènge’ v.: (Vincere, Sopraffare). "L’abbènge lu sònne"- È sopraffatto dal sonno; "Nen te fa' abbènge’ da la rajje"- Non lasciarti vincere dalla rabbia; "Nghe me 'n ce l'abbenge nisciune"- Con me non ce l'avrà vinta di sicuro.

Abbambà

Abbambà: tr. Dei panni, Avvampare, Abbronzare, Abbrustiare i polli spennati; intr. e rifl. Avvampare: Pigliar fuoco improvvisam. facendo fiamma; Tenghe na vòcc’ abbambate: Ho la bocca arida, asciutta per sete o febbre.

Abbijà

Abbijà’:v. Avviare, Indirizzare, Cominciare: "St'abbija' a ppiòve’, a nèngue"- Comincia a piovere, a nevicare;"S’abbijat’ a ‘ngrassà"- Comincia a ingrassare; "Ha 'rbijate..."- Eccolo qui che ha ricominciato la sua solfa; "Ha ‘bbijat’ a piàgne’ e viastemà"- Ha iniziato a piangere e bestemmiare; "Ji mo m'abbije..."- Intanto io mi avvio...

Abbènde

Abbènde, s.m.:Arrivo nel senso di giungere ad un momento di riposo, di quiete: "Stu delore nen m’ ha date ma’" – , Questo dolore non si è fermato mai.

Abbottapezzinde

Abbottapezzinde: n. fam. Cibo grossolano, che sfonda lo stomaco, che sazia il povero il "pezzente" che non può contare su altro.

Abberzà'

Abberzà: v. condurre il gregge al pascolo verso le erbe, le verzure.

Abbendà'

Abbendà’, (Lat. Adventus) Arrivare, Avventarsi, Osare: N’n abbènde ma’ da piòve! Non finisce più di piovere, non arriva la fine; Abbinde ‘nu ccune! Stai bono, Arriva alla fine (della tua tensione), ripòsati; Attent'a lu cane ca s'abbende, Attento al cane si avventa facilmente; Je s'abbendate la biciclettte e s'arrusciulate pe' lu vallone, Gli ha preso velocità la bicicletta e si é rotolato giù per la valle.

Abbarattà

Abbarattà: Vendere a basso prezzo, Barattare a qualsiasi costo, Abbacchiare, Trattare. Nghe ccullù n’n ce se po’ abbaratta': Con lui non si può trattare.

Abblattà

Abblattà’: v. (da Ablato) Togliere via nel senso di Inviare, Lanciare, Scagliare. "A quande j'abblattate la zappe ":Di colpo gli ha lanciato contro la zappa.

Abbelenirse

Abbelenirse, Avvelenirse, Invelenire, Arrabbiarsi, La tèrre, l’àrie, s'abbelenite, La terra, l'aria bruciano, sono infocate dal sole.

Abbasta'

Abbasta’, Avasta’, Bastare, anche "Non abbastanza". Jì’ nn' avast’ a ringrazijarte: Non riesco a ringraziarti abbastanza. Fattel'avaste' (o fattele abbasta'): Fai in modo che sia sufficiente. Avaste c'abbusche: Pur di guadagnare, basta che buschi denaro. Avaste a chiacchierija' mo é tempe de fatija': Basta con le ciance. J'avaste appena appene: Gli é appena sufficiente. Quand'appene j'avaste pe' la lume (fig. olio per il lume): Non é abbastanza.

Abbenzì che

Abbenżì che: Antica locuzione (Ancorchè, Nonostante, Dato pure): "Ci avèss’ a jì’, me stinghe a la case" nonostante dovrei andarci sto a casa.

Abbelle

Àbbele (Abile nel senso di capace): N’n è àbbele mè’ a fa’ quèsse, Non è da me fare ciò.

Abbavajà'

Abbavajà’ (Sbava'): Sbavazzare, Imbavare, Imbrattar di bava.

Abbetela', Abbutella'

Abbetelà’, Abbutellà’ v.intr. e rifl: Sgallare, Produrre una vescica: "Lu latte de lu fiquere fa – la vocche"- Il latte dei fichi produce bollicine alla bocca.

Abbelate

Abbelate: agg. di pers. Bilioso, Collerico, Stizzoso, pieno di bile.

Abbittemà'

Abbittemà: v. (prende origine dal verso delle "Pittime" nome di vari uccelli scolopacidi, che insistono nel loro canto-lamento). Azione dell'Ansimare, Respirare affannosamente, Frignare, Piagnucolare, Lamentarsi ripetutamente:"Sta a ffa' la pitteme" oppure "St'abbittema'": Richiedere insistentemente e lagnosamente.

Abberutà e Abburetà

"Abberutà’"e Abburetà: v. da burro nel gesto di "girare" per separare il burro dal latte, oppure da Buris, parte posteriore dell'aratro, nel senso di rivoltare la terra: Avvolgere, Arrotolare iron. Abbindolare, Imbrogliare: "De quille come te me l'abberute a nu dete de lu pete", "Di tipi come te non so che farmene, me li lego al dito di un piede"; "Tutte lu jurne abberrutate a 'na cuperte"; "Sta tutto il giorno avvolto nella coperta. "Se l'ha

Abballà

Abballà, Ballare. Es: Fa ‘nu frèdde che te ffa’ – le dinde. Dal freddo ballano i denti. Quande cammine cussù, fa – la case, Fa traballare il pavimento. Dendr’ a 'ste càveze, ce vajj’ abbalènne, In questi calzoni, ci sguazzo. Dentr’ a 'ste scarpe, me ce va 'bballènne le pite, In queste scarpe i piedi mi ballano. Lu sòle ha cumenciat’ a nalla', Il sole ha iniziato a tramontare; A la 'bballate, Nella parte della discesa, nella vallata.

Abbrijate

Abbrijate: agg. (Abbrigliato, altero come un cavallo) Impettito, Diritto della persona in atto di alterigia. "Va tutt’ –",Cammina impettito, con sussiego.

Abbiricà

Abbiricà’: v. (Aq) Acconciare, Disporre bene, Ordinare. "Abbirìcalo bbène", Vestilo, Coprilo bene; "S’è abbiricata", Si è collocata, maritata. Ved. Sbiricà’

Arbendàte

Arbendàte p.p: (Riavventato, avventato di nuovo): "S'ave' fermate, a quande, s'arbendate daccape"- Pareva che volesse smettere

Abbafà’

Abbafà’, Condurre il gregge a pascolare; Saziarsi, mangiare a sazietà; Sbafare, mangiare a sbafo. Es: Nghe la bona salute s'abbafate sette ppiatte de sagne e fasciule!

Abbirbandirse

Abbirbandirse, v. "Imbirbonire, Diventare birbante, Infurbirsi:"La citele a tre mise già s'ave' abbirbandite"," la bimba a tre mesi già era furba; oppure "Le sta a pija' tutte, le birbandizije",Già conosce tutte le furbizie.

Abbegònde

Abbengònde: (Abbengunde) Antica locuzione: Ad ogni buon conto.

Abbadà

Abbadà’, Badare. – a le pècure, Badar le pecore; Abbadem’ a nnu”, Badiamo a noi stessi! Fa’ abbade, Fai attenzione; Abbàdeme a 'ssu bardasce, Guardami questo bambino.

Abbrevedatòre

Abbrevedatòre:(Scanno), s.f. Fazzoletto che fascia il viso da sopra in basso, per difenderlo dal freddo, e le cui cocche si annodano sul capo.

Abbijjelà

Abbijjelà’: v. Spazzare, fig. Strucinare, Sciupare malamente, denaro o sostanze: "Ha ‘bbijjelate tutte", "Ha consumato, fatto un macinìo, di tutti i suoi averi","Ha ‘bbijjelate nu patrimonije, ha sfradutte quelle che teneve".

Abbengiùte

Abbengiùte, Avvinto, sopraffatto): "Ci ha pruvate ma 'n ci ha abbengiute"- Ci ha provato ma non l'ha avuta vinta.

Si comincia dalla lettera A

A, 1 - Solitamente prefissa verbi che cominciano con re, o ri, indica la ripetizione di un'azione. Es: Arepónne, Conservare, Serbare; Arećhiamà’, Richiamare; Arecumincia', Ricominciare.

2 - Raddoppiando la lettera iniziale ne intensifica il senso. Es: Abbadà’, Badare; Allavà’, Lavare.

3 - In altri casi é semplicemente riempitiva. Es: Vijet’ a tte!, Beato te!; Salùtem’ a mmámmete, Salùtami tua madre.

4 - Invece del "di": A chi si' la fijje?, Di

FacebookTwitterGoogleFeed

seguilciclismo

Meteo Abruzzo

La ricetta della settimana

Dolce vita

Seguilanotizia utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.